La mission di Wise Growth è di contribuire in modo sostanziale ad approfondire e condividere le conoscenze in merito ai temi di interesse.

Le nostre pubblicazioni fanno luce su diversi aspetti della D&I (e non solo) e costituiscono una raccolta unica per estensione.

cultura rispetto Wise Growth

La Cultura del Rispetto. Oltre l’inclusione

Autori

Maria Cristina Bombelli - Emanuele Serrelli
Leggi estratto
A volte le aziende non raggiungono i propri obiettivi perché i collaboratori faticano a relazionarsi fra loro, a riflettere insieme e a confrontarsi. Nei momenti di pressione possono anche nascere antipatie e insofferenze. Genere, anzianità, disabilità, cultura, orientamento sessuale possono generare esclusione, per ragioni che chiaramente esulano dalle competenze. Apprendere una cultura del rispetto diventa quindi non un imperativo morale, ma un percorso di azione. Capire le ragioni per cui nascono situazioni «irrispettose» che ostacolano la convivenza e il lavoro comune corrisponde a una scelta strategica. Si tratta di una scelta in grado non semplicemente di risanare il clima organizzativo, bensì di convertirlo in un risultato anche economico. Con un linguaggio semplice e ricco di esempi, oltre alla presentazione di un caso aziendale di successo, gli autori Emanuele Serrelli e Maria Cristina Bombelli propongono un nuovo progetto di Diversity e Inclusion. Una cultura del rispetto che è imperniata su ciò che accomuna gli individui – il desiderio di essere ascoltati, compresi e considerati in modo equo.

Alice in business land. Diventare leader rimanendo donne.

Autore

Maria Cristina Bombelli
Leggi estratto
A volte le aziende non raggiungono i propri obiettivi perché i collaboratori faticano a relazionarsi fra loro, a riflettere insieme e a confrontarsi. Nei momenti di pressione possono anche nascere antipatie e insofferenze. Genere, anzianità, disabilità, cultura, orientamento sessuale possono generare esclusione, per ragioni che chiaramente esulano dalle competenze. Apprendere una cultura del rispetto diventa quindi non un imperativo morale, ma un percorso di azione. Capire le ragioni per cui nascono situazioni «irrispettose» che ostacolano la convivenza e il lavoro comune corrisponde a una scelta strategica. Si tratta di una scelta in grado non semplicemente di risanare il clima organizzativo, bensì di convertirlo in un risultato anche economico. Con un linguaggio semplice e ricco di esempi, oltre alla presentazione di un caso aziendale di successo, gli autori Emanuele Serrelli e Maria Cristina Bombelli propongono un nuovo progetto di Diversity e Inclusion. Una cultura del rispetto che è imperniata su ciò che accomuna gli individui – il desiderio di essere ascoltati, compresi e considerati in modo equo.

Alice in business land: On becoming a woman leader – (eBook)

Autore

Maria Cristina Bombelli
Leggi estratto
A volte le aziende non raggiungono i propri obiettivi perché i collaboratori faticano a relazionarsi fra loro, a riflettere insieme e a confrontarsi. Nei momenti di pressione possono anche nascere antipatie e insofferenze. Genere, anzianità, disabilità, cultura, orientamento sessuale possono generare esclusione, per ragioni che chiaramente esulano dalle competenze. Apprendere una cultura del rispetto diventa quindi non un imperativo morale, ma un percorso di azione. Capire le ragioni per cui nascono situazioni «irrispettose» che ostacolano la convivenza e il lavoro comune corrisponde a una scelta strategica. Si tratta di una scelta in grado non semplicemente di risanare il clima organizzativo, bensì di convertirlo in un risultato anche economico. Con un linguaggio semplice e ricco di esempi, oltre alla presentazione di un caso aziendale di successo, gli autori Emanuele Serrelli e Maria Cristina Bombelli propongono un nuovo progetto di Diversity e Inclusion. Una cultura del rispetto che è imperniata su ciò che accomuna gli individui – il desiderio di essere ascoltati, compresi e considerati in modo equo.

Alice in business land: On becoming a woman leader – (eBook – English version)

Autore

Maria Cristina Bombelli
Leggi estratto
A volte le aziende non raggiungono i propri obiettivi perché i collaboratori faticano a relazionarsi fra loro, a riflettere insieme e a confrontarsi. Nei momenti di pressione possono anche nascere antipatie e insofferenze. Genere, anzianità, disabilità, cultura, orientamento sessuale possono generare esclusione, per ragioni che chiaramente esulano dalle competenze. Apprendere una cultura del rispetto diventa quindi non un imperativo morale, ma un percorso di azione. Capire le ragioni per cui nascono situazioni «irrispettose» che ostacolano la convivenza e il lavoro comune corrisponde a una scelta strategica. Si tratta di una scelta in grado non semplicemente di risanare il clima organizzativo, bensì di convertirlo in un risultato anche economico. Con un linguaggio semplice e ricco di esempi, oltre alla presentazione di un caso aziendale di successo, gli autori Emanuele Serrelli e Maria Cristina Bombelli propongono un nuovo progetto di Diversity e Inclusion. Una cultura del rispetto che è imperniata su ciò che accomuna gli individui – il desiderio di essere ascoltati, compresi e considerati in modo equo.

Cina. Sotto il cielo una famiglia. Gestire le persone e le organizzazioni nel più grande mercato del mondo.

Autori

Maria Cristina Bombelli - Alessandro Arduino - Julio Gonzalez
Leggi estratto
A volte le aziende non raggiungono i propri obiettivi perché i collaboratori faticano a relazionarsi fra loro, a riflettere insieme e a confrontarsi. Nei momenti di pressione possono anche nascere antipatie e insofferenze. Genere, anzianità, disabilità, cultura, orientamento sessuale possono generare esclusione, per ragioni che chiaramente esulano dalle competenze. Apprendere una cultura del rispetto diventa quindi non un imperativo morale, ma un percorso di azione. Capire le ragioni per cui nascono situazioni «irrispettose» che ostacolano la convivenza e il lavoro comune corrisponde a una scelta strategica. Si tratta di una scelta in grado non semplicemente di risanare il clima organizzativo, bensì di convertirlo in un risultato anche economico. Con un linguaggio semplice e ricco di esempi, oltre alla presentazione di un caso aziendale di successo, gli autori Emanuele Serrelli e Maria Cristina Bombelli propongono un nuovo progetto di Diversity e Inclusion. Una cultura del rispetto che è imperniata su ciò che accomuna gli individui – il desiderio di essere ascoltati, compresi e considerati in modo equo.

Generazioni in azienda. Se gioventù sapesse, se vecchiaia potesse.

Autore

Maria Cristina Bombelli
Leggi estratto
A volte le aziende non raggiungono i propri obiettivi perché i collaboratori faticano a relazionarsi fra loro, a riflettere insieme e a confrontarsi. Nei momenti di pressione possono anche nascere antipatie e insofferenze. Genere, anzianità, disabilità, cultura, orientamento sessuale possono generare esclusione, per ragioni che chiaramente esulano dalle competenze. Apprendere una cultura del rispetto diventa quindi non un imperativo morale, ma un percorso di azione. Capire le ragioni per cui nascono situazioni «irrispettose» che ostacolano la convivenza e il lavoro comune corrisponde a una scelta strategica. Si tratta di una scelta in grado non semplicemente di risanare il clima organizzativo, bensì di convertirlo in un risultato anche economico. Con un linguaggio semplice e ricco di esempi, oltre alla presentazione di un caso aziendale di successo, gli autori Emanuele Serrelli e Maria Cristina Bombelli propongono un nuovo progetto di Diversity e Inclusion. Una cultura del rispetto che è imperniata su ciò che accomuna gli individui – il desiderio di essere ascoltati, compresi e considerati in modo equo.

Management plurale. Diversità individuali e strategie organizzative.

Autore

Maria Cristina Bombelli
Leggi estratto
A volte le aziende non raggiungono i propri obiettivi perché i collaboratori faticano a relazionarsi fra loro, a riflettere insieme e a confrontarsi. Nei momenti di pressione possono anche nascere antipatie e insofferenze. Genere, anzianità, disabilità, cultura, orientamento sessuale possono generare esclusione, per ragioni che chiaramente esulano dalle competenze. Apprendere una cultura del rispetto diventa quindi non un imperativo morale, ma un percorso di azione. Capire le ragioni per cui nascono situazioni «irrispettose» che ostacolano la convivenza e il lavoro comune corrisponde a una scelta strategica. Si tratta di una scelta in grado non semplicemente di risanare il clima organizzativo, bensì di convertirlo in un risultato anche economico. Con un linguaggio semplice e ricco di esempi, oltre alla presentazione di un caso aziendale di successo, gli autori Emanuele Serrelli e Maria Cristina Bombelli propongono un nuovo progetto di Diversity e Inclusion. Una cultura del rispetto che è imperniata su ciò che accomuna gli individui – il desiderio di essere ascoltati, compresi e considerati in modo equo.

Soffitto di vetro e dintorni. Il management al femminile.

Autore

Maria Cristina Bombelli
Leggi estratto
A volte le aziende non raggiungono i propri obiettivi perché i collaboratori faticano a relazionarsi fra loro, a riflettere insieme e a confrontarsi. Nei momenti di pressione possono anche nascere antipatie e insofferenze. Genere, anzianità, disabilità, cultura, orientamento sessuale possono generare esclusione, per ragioni che chiaramente esulano dalle competenze. Apprendere una cultura del rispetto diventa quindi non un imperativo morale, ma un percorso di azione. Capire le ragioni per cui nascono situazioni «irrispettose» che ostacolano la convivenza e il lavoro comune corrisponde a una scelta strategica. Si tratta di una scelta in grado non semplicemente di risanare il clima organizzativo, bensì di convertirlo in un risultato anche economico. Con un linguaggio semplice e ricco di esempi, oltre alla presentazione di un caso aziendale di successo, gli autori Emanuele Serrelli e Maria Cristina Bombelli propongono un nuovo progetto di Diversity e Inclusion. Una cultura del rispetto che è imperniata su ciò che accomuna gli individui – il desiderio di essere ascoltati, compresi e considerati in modo equo.

Genitori al lavoro. L’arte di integrare figli, lavoro, vita.

Autori

Laura Girelli - Adele Mapelli
Leggi estratto
A volte le aziende non raggiungono i propri obiettivi perché i collaboratori faticano a relazionarsi fra loro, a riflettere insieme e a confrontarsi. Nei momenti di pressione possono anche nascere antipatie e insofferenze. Genere, anzianità, disabilità, cultura, orientamento sessuale possono generare esclusione, per ragioni che chiaramente esulano dalle competenze. Apprendere una cultura del rispetto diventa quindi non un imperativo morale, ma un percorso di azione. Capire le ragioni per cui nascono situazioni «irrispettose» che ostacolano la convivenza e il lavoro comune corrisponde a una scelta strategica. Si tratta di una scelta in grado non semplicemente di risanare il clima organizzativo, bensì di convertirlo in un risultato anche economico. Con un linguaggio semplice e ricco di esempi, oltre alla presentazione di un caso aziendale di successo, gli autori Emanuele Serrelli e Maria Cristina Bombelli propongono un nuovo progetto di Diversity e Inclusion. Una cultura del rispetto che è imperniata su ciò che accomuna gli individui – il desiderio di essere ascoltati, compresi e considerati in modo equo.

From diversity to plurality: A new perspective on organizational inclusion – (English Edition)

Autore

Maria Cristina Bombelli
Leggi estratto
A volte le aziende non raggiungono i propri obiettivi perché i collaboratori faticano a relazionarsi fra loro, a riflettere insieme e a confrontarsi. Nei momenti di pressione possono anche nascere antipatie e insofferenze. Genere, anzianità, disabilità, cultura, orientamento sessuale possono generare esclusione, per ragioni che chiaramente esulano dalle competenze. Apprendere una cultura del rispetto diventa quindi non un imperativo morale, ma un percorso di azione. Capire le ragioni per cui nascono situazioni «irrispettose» che ostacolano la convivenza e il lavoro comune corrisponde a una scelta strategica. Si tratta di una scelta in grado non semplicemente di risanare il clima organizzativo, bensì di convertirlo in un risultato anche economico. Con un linguaggio semplice e ricco di esempi, oltre alla presentazione di un caso aziendale di successo, gli autori Emanuele Serrelli e Maria Cristina Bombelli propongono un nuovo progetto di Diversity e Inclusion. Una cultura del rispetto che è imperniata su ciò che accomuna gli individui – il desiderio di essere ascoltati, compresi e considerati in modo equo.

Un manager nell’impero di mezzo. Biografia di Paolo Gasparrini presidente di L’Oreal Cina

Autore

Maria Cristina Bombelli
Leggi estratto
A volte le aziende non raggiungono i propri obiettivi perché i collaboratori faticano a relazionarsi fra loro, a riflettere insieme e a confrontarsi. Nei momenti di pressione possono anche nascere antipatie e insofferenze. Genere, anzianità, disabilità, cultura, orientamento sessuale possono generare esclusione, per ragioni che chiaramente esulano dalle competenze. Apprendere una cultura del rispetto diventa quindi non un imperativo morale, ma un percorso di azione. Capire le ragioni per cui nascono situazioni «irrispettose» che ostacolano la convivenza e il lavoro comune corrisponde a una scelta strategica. Si tratta di una scelta in grado non semplicemente di risanare il clima organizzativo, bensì di convertirlo in un risultato anche economico. Con un linguaggio semplice e ricco di esempi, oltre alla presentazione di un caso aziendale di successo, gli autori Emanuele Serrelli e Maria Cristina Bombelli propongono un nuovo progetto di Diversity e Inclusion. Una cultura del rispetto che è imperniata su ciò che accomuna gli individui – il desiderio di essere ascoltati, compresi e considerati in modo equo.

The Biography of Paolo Gasparrini: President of L’Oréal China – (English Edition)

Autore

Maria Cristina Bombelli
Leggi estratto
A volte le aziende non raggiungono i propri obiettivi perché i collaboratori faticano a relazionarsi fra loro, a riflettere insieme e a confrontarsi. Nei momenti di pressione possono anche nascere antipatie e insofferenze. Genere, anzianità, disabilità, cultura, orientamento sessuale possono generare esclusione, per ragioni che chiaramente esulano dalle competenze. Apprendere una cultura del rispetto diventa quindi non un imperativo morale, ma un percorso di azione. Capire le ragioni per cui nascono situazioni «irrispettose» che ostacolano la convivenza e il lavoro comune corrisponde a una scelta strategica. Si tratta di una scelta in grado non semplicemente di risanare il clima organizzativo, bensì di convertirlo in un risultato anche economico. Con un linguaggio semplice e ricco di esempi, oltre alla presentazione di un caso aziendale di successo, gli autori Emanuele Serrelli e Maria Cristina Bombelli propongono un nuovo progetto di Diversity e Inclusion. Una cultura del rispetto che è imperniata su ciò che accomuna gli individui – il desiderio di essere ascoltati, compresi e considerati in modo equo.

Womens career the long road: All you need to know to succeed (English Edition)

Autore

Maria Cristina Bombelli
Leggi estratto
A volte le aziende non raggiungono i propri obiettivi perché i collaboratori faticano a relazionarsi fra loro, a riflettere insieme e a confrontarsi. Nei momenti di pressione possono anche nascere antipatie e insofferenze. Genere, anzianità, disabilità, cultura, orientamento sessuale possono generare esclusione, per ragioni che chiaramente esulano dalle competenze. Apprendere una cultura del rispetto diventa quindi non un imperativo morale, ma un percorso di azione. Capire le ragioni per cui nascono situazioni «irrispettose» che ostacolano la convivenza e il lavoro comune corrisponde a una scelta strategica. Si tratta di una scelta in grado non semplicemente di risanare il clima organizzativo, bensì di convertirlo in un risultato anche economico. Con un linguaggio semplice e ricco di esempi, oltre alla presentazione di un caso aziendale di successo, gli autori Emanuele Serrelli e Maria Cristina Bombelli propongono un nuovo progetto di Diversity e Inclusion. Una cultura del rispetto che è imperniata su ciò che accomuna gli individui – il desiderio di essere ascoltati, compresi e considerati in modo equo.